Semplifica la tua vita in studio
il Blog di LYNFA
per Commercialisti e Consulenti del lavoro

Il cruscotto digitale di LYNFA Studio

Ci indica come stiamo andando, se ci sono problemi, quali scelte fare per il futuro

21.03.2017 | | Gestione studio

Controllo di gestione di LYNFA Studio

Quante volte ci poniamo un obiettivo e poi, per mancanza di tempo e di dati, non riusciamo a verificare l’efficacia e la validità delle strade intraprese, perdendo tempo ed energie? 
Oppure ci siamo presi in carico una pratica convinti di poterne trarre un indiscusso guadagno e invece, per la complessità, la diseconomia o l'errata programmazione, questo si è dimostrato un boomerang?

Affidare l’attività di studio a un gestionale che non sia un semplice scadenziario “informatico” o il sostituto di funzioni manuali è oggi la scelta obbligata per avere sempre il “polso della situazione” dell’attività.

LYNFA Gestione Studio mette a disposizione del professionista un vero e proprio “cruscotto” dei dati via via inseriti, dal quale ricavare indicatori di performance e determinare con sufficiente ragionevolezza le possibili criticità di una o più attività.

Per esempio, è possibile specificare il costo orario delle risorse sia a livello generale sia a livello di cliente e pratica, o applicare criteri più articolati. Questa informazione, insieme con gli strumenti per la cattura del tempo, Timesheet, è la base per ottenere in maniera automatica i costi suddivisi in base a numerosi criteri: quelli globali di studio, per cliente, pratica o ASA (Area Strategica di Affari). Questi costi, raffrontati con la valorizzazione delle relative prestazioni, consentono di determinare in modo altrettanto immediato la marginalità, in base agli stessi criteri.

In ogni momento è possibile verificare se le ore lavorate abbiano superato la previsione o se il credito abbia superato una certa soglia. Si possono aggregare i dati della redditività sia per segmento di mercato che per ASA, per conoscere in quali aree di mercato o di servizi lo studio guadagna e in quali perde.

Tutte queste funzioni servono non solo a verificare le performance dello studio e dei suoi singoli professionisti ma anche a fare le migliori scelte strategiche per il futuro, sia per consolidare o sviluppare le attività in un determinato ambito sia per ampliarle verso nicchie di mercato ritenute più libere e produttive.

New Call-to-action
LE BEST PRACTICE NELLO STUDIO PROFESSIONALE

RICERCA: LE BEST PRACTICE NELLO STUDIO PROFESSIONALE

Iscriviti alla newsletter

Guide, webinar, approfondimenti per il tuo business.